PRESENT AND FUTURE OF YOUR TOTAL QUALITY             

IT | EN | FR | ES
ARCHIVIO
NEWS
Ipack-Ima: Seminario sul controllo delle saldature e dell'atmosfera protettiva

 

31/05/2018

TECNOLOGIA LASER E CONTROLLI NON DISTRUTTIVI:

NUOVE APPLICAZIONI NEL CONTROLLO DELLA TENUTA DELLE SALDATURE E DELL’ ATMOSFERA PROTETTIVA


FT System e LPro lanciano a IPack IMA2018 una tecnologia innovativa nei controlli MAP non distruttivi per il settore food


Milano, 31 maggio 2018.

Quali sono requisiti da monitorare per ottimizzare la conservazione degli alimenti in atmosfera modificata? Quanti campioni di alimento confezionato in atmosfera protettiva è necessario distruggere per poter fare i controlli durante la produzione? Come varia l’atmosfera protettiva della stessa confezione nel tempo? Quali sono le interazioni gas-alimento che possono cambiare la shelf-life degli alimenti?

Ora, finalmente, può essere data una risposta a tutti questi quesiti attraverso un innovativo sistema di controllo sviluppato da FT System (AROL GROUP) che sfrutta la tecnologia laser per poter effettuare la verifica della tenuta della saldatura(fori e micro-fori) e della miscela di gas inserita nella confezione senza distruggere i campioni. Al pari degli analizzatori classici, sono monitorati due gas, anidride carbonica e ossigeno: il tutto con la possibilità di effettuare il controllo in linea sul 100% delle confezioni.

“Si tratta per FT System di un’innovazione importante che abbiamo sviluppato in collaborazione con LPro partecipando a Safety Pack, un progetto europeo da 3,5 milioni di euro – spiega Fabio Forestelli, AD di FT System. “Abbiamo sfruttato la nostra esperienza nei controlli in linea acquisita in altri settori per applicarla al mondo food ed eravamo alla ricerca di una tecnologia che ci qualificasse per il nostro impegno nell’innovazione e nella ricerca.Finalmente l’abbiamo trovata e industrializzata: siamo certi cambierà il modo di fare controlli qualità nel settore food”.

Ma come funziona questa tecnologia?“La tecnologia laser – spiega Massimo Fedel, CNR Padova - è da tempo utilizzata in molte applicazioni. La vera sfida in questo caso era sviluppare un sensore in grado di misurare concentrazioni molte basse di ossigeno. Ci siamo riusciti. L’ulteriore passo avanti è stato quello di individuare l’esigenza nell’industria agro-alimentare di effettuare controlli non distruttivi per monitorare la conservazione degli alimenti conservati in atmosfera protettiva. E così siamo arrivati fin qui.Abbiamo sviluppato due applicazioni: il monitoraggio della concentrazione di ossigeno e anidride carbonica nella confezione e la verifica della tenuta della saldatura. Il principio di funzionamento della tecnologia è molto semplice: il raggio laser attraversa la confezione, interagisce selettivamente con le molecole di anidride carbonica o ossigeno modificando lo spettro di assorbimento e determinando così la concentrazione del gas presente”.